Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

venerdì 8 febbraio 2008

Libri ed idee

Prendo spunto da un post del blogger Gianluca, che - a tradimento - posta un paio di estratti da Moccia (sic!) e così mi (ci) costringe a leggere frasi sconfusionate, che stanno alla letteratura italiana più o meno come Mastella sta alla coerenza politica....



Il primo pensiero è quello del falò ritorsivo salvifico, poi però penso a tutti quegli scrittori le cui opere sono state realmente bruciate nel passato, le cui voci di dissenso sono state messe a tacere dalle varie tirannie, ed allora rifletto: tutta la letteratura ha il diritto di trovare i propri lettori.


L'uomo gode del libero arbitrio anche in campo letterario, ed è libero di leggere oppure no, di scegliere secondo i propri gusti.

Allora si legga ciò che si vuole, sperando che si rispettino i diritti del lettore (come ci insegna Pennac), ed augurandoci solo che la nostra intelligenza ci sia da faro nella notte dell'abisso (sperando che non succeda ciò pronosticato da Nietzsche: se troppo a lungo guardi l'abisso, l'abisso guarderà te...).




Voglio ricordare qui una bella frase di Heinrich Heine:

Das war ein Vorspiel nur, dort wo man Bücher verbrennt, verbrennt man auch am Ende Menschen.”
(è stato solo il prologo, dove si bruciano i libri alla fine si bruciano anche le persone).

Questa invece l'opinione - sarcastica come sempre - di Brecht:




Die Bücherverbrennung

Als das Regime befahl, Bücher mit schädlichem wissen
Öffentlich zu verbrennen, und allenthalben
Ochsen gezwungen wurden, Karren mit Büchern
Zu den Scheiterhaufen zu ziehen, entdeckte
Ein verjagter Dichter, einer der besten, die Liste der
Verbrannten studierend, entsetzt, daß seine
Büchen vergessen waren. Er eilte zum Schreibtisch
Zornbeflügelt, und schrieb einen Brief an die Machthaber.
Verbrennt mich! schrieb er mit fliegender Feder, verbrennt mich!
Tut mir das nicht an! Laßt micht nicht übrig! Habe ich nicht
Immer die Wahrheit berichtet in meinen Büchern? Und jetzt
Werd ich von euch wie ein Lügner behandelt! Ich befehle euch:
Verbrennt mich!



Il rogo dei libri

Quando il regime ordinò che in pubblico fossero arsi
i libri di contenuto malefico e per ogni dove
furono i buoi costretti a trascinare
ai roghi carri di libri, un poeta scoprì
- uno di quelli al bando, uno dei meglio - l'elenco
studiando degli inceneriti, sgomento, che i suoi
libri erano stati dimenticati. Corse
al suo scrittoio, alato d'ira
e scrisse ai potenti una lettera.
Bruciatemi!, scrisse di volo, bruciatemi!
Questo torto non fatemelo! Non lasciatemi fuori! Che forse
la verità non l'ho sempre, nei libri miei, dichiarata? E ora voi
mi trattate come fossi un mentitore! Vi comando:
bruciatemi!

8 commenti:

Baol ha detto...

Buongiorno...

fabio r. ha detto...

a voi messer baol...

Simona ha detto...

mi viene in mente Farenheit 451....
bruciare i libri è disumano, l'inizio del regime.
buona domenica Fabio!

MariCri ha detto...

bruciare i libri è davvero abominevole...ma almeno i dvd dei film tratti dai libri di Moccia no?? se volete mi ergo a nuovo Savonarola, sperando di non finire come quello!

dressel1981 ha detto...

come dire "non sono d'accordo con te, ma darei la vita perchè tu posso esprimere la tua opinione"...vabbè...se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo

fabio r. ha detto...

bravi amici! freniamo gli impulsi pirofili... anche se ciò ci costerà l'anima, ma persino il diavolo ha dei fans!

stellavale ha detto...

Grazie di essere passato!
io ho invece il problema che una volta iniziato un libro, anche se non mi piace, mi sento obbligata a finirlo....

Gianluca ha detto...

@ stellavale : no che tortura! se un libro non ci piace forse non eravamo pronti per lui e ci salterà in collo prossimamente..