Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

martedì 18 marzo 2008

Brave New World

Let's go back to basic... (dedicato a Daniele Verzetti)

Negli ultini due o tre giorni mi è capitato di ascoltare (in qualche raro programma tv "illuminato") le parole che Bob Kennedy pronunciò esatamente 40 anni fa', e sono rimasto letteralmente stupito dalla loro attualità.
Purtroppo.
Siamo bombardati quotidianamente dalle preoccupazioni dei vari economisti, più o meno prezzolati, che pontificano nell'etere sulla crisi economica mondiale e sulle varie strategie (diametralmente opposte, rigorosamente secondo schieramenti politici) per combatterla. Ovunque.
Tutti sembrano leggere nelle pieghe dei bilanci aziendali come un Rabbino nel Talmud, ognuno alla ricerca della parola di Dio, ed il Dio che vedono ha spesso lo stesso nome profetico: PIL.
Beh, Bob Kennedy nel 1968 aveva idee diverse al proposito, coraggiosamente diverse, sfacciatamente diverse. Profetiche anch'esse, illuminanti per tutti noi.

Ecco, se fossi il re del Mondo (da semplice politico non avrei il coraggio, nè -forse - la folle lucidità di seguire questi consigli) il mio primo atto sarebbe una messa in pratica di quelle parole.
Di 40 anni fa'.
Strano, no?

Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del PIL.
Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle.
Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini.
Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari. Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago.
Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti.
Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi. Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese.
Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.


(Robert Kennedy)

10 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Conoscevo queste parole di Kennedy; grazie per avermele dedicate: vorrei tanto che ci fossero oggi uomini come lui.

Vorrei che ce ne fosse più d'uno e vorrei cancellare l'assurdo dei nostri tempi. Vorrei che il mondo di oggi fosse una lavagna ed avere il cancellino ed usarlo per far vivere non più le parole di questi esseri insulsi che si atteggiano a politici veri, ma quelle di Kennedy e di tutti coloro che hanno sempre avuto a cuore la giustizia, l'equità e la libertà di pensiero.

Grazie per avermi fatto respirare aria pulita almeno per pochi attimi prima di immergermi nuovamente nel mondo di oggi.

Ciao Fabio
Daniele

Mat ha detto...

ecco...è da tempo che io dico che noi stiamo come siamo perchè ci manca una guida. una guida fortemente carismatica e rispettatasu tutti i fronti.. un kennedy ci starebbe benissimo, altro che veltrusconi dei miei co...oni

MusEum ha detto...

Anch'io ho sentito per la prima volta questo discorso di Kennedy grazie alla meravigliosa apertura di Report la scorsa domenica.

Mi sono commossa.

È stato in quel momento che ho capito perchè l'hanno assassinato...

Anni fa, dopo aver visto il film L'ultima lezione, ho letto l'omonimo libro di Ermanno Rea su Federico Caffè, l'economista keynesiano scomparso misteriosamente il 15 aprile del 1987...

In altre parole, il professore si scagliava contro le stesse derive capitalistico-liberiste che condannava Kennedy...

Dama Verde ha detto...

Parole che fanno respirare meglio, come scrive Daniele.

Grazie Fabio per averle ricordate.

NADIA ha detto...

Parole importanti di una persona con gli attributi per questo che l'hanno tolto di mezzo.... bisognerebbe tradurlo hai nostri cosidetti"politici",perchè non capiscono l'italiano visto che non ci ascoltano, sono talmente presi nelle loro chiacchiere da "portierato" e ha promettere cose che non manterranno....incollati su quella poltrona con l'attack!!
ciao e a presto!!!

Gianluca ha detto...

Dovremmo calcolare il BIN
Benessere Interno Netto...

dioniso ha detto...

Condivido parola per parola.

Saluti

Suysan ha detto...

Kennedy è stato veramente un grande UOMO!!!!!!

MARGY ha detto...

....hai ragione Fabio: anzichè 1968 poteva essere datata benissimo 2008...sarebbe stato uguale!....e magari!!...ciò sarebbe stato avere qualcuno come Bob Kennedy oggi.

María ha detto...

Leggendo queste parole si può capire perche ai fratelli Kennedy ci hanno assassinato. Uomini con questo pensiero non sono buoni per un mondo cannibale e neo-liberale.