Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

giovedì 6 novembre 2008

E pluribus unum


Da anni sono un devoto lettore (nonchè orgogliosamente ex studente) di Alessandro Portelli, indimenticabile professore di letteratura anglo americana a Roma (lui è ancora lì, io non più...), saggista, scrittore, e tra i massimi esperti di cultura orale USA (ma anche italiana..) nel mondo.


Lo leggo nei suoi - rari purtroppo - articoli del Manifesto (lo compricchio ogni tanto...lo ammetto..), nel suo bel blog (anche lui della grande famigghia blogspot) e nei suoi libri: dopo tanti anni dalla pubblicazione Taccuini Americani è ancora oggi tra i miei libri preferiti.


Tra le mie varie abitudini mattutine c'è anche l'ascolto, in auto, della rassegna stampa di Radio3, un appuntamento fisso a cui non so rinunciare mentre vado al lavoro, così risparmio pure sull'acquisto di qualche quotidiano, o magari mi viene voglia di comprarne uno.

Beh, stamattina veniva citato proprio un suo articolo sull'esito delle elzioni USA (ora nel blog sopra citato), insieme a tanti altri; sagace ed intelligente come sempre.


La fine dell'articolo faceva riferimento ad una "nota a margine" di queste elezioni, una breve riflessione che mi è piaciuta e che ripropongo qui pari pari:


"...Intanto, quello che mi commuove e mi entusiasma oggi non è solo il pensiero di Barak Obama “a cena” alla Casa Bianca. E’ il pensiero di quelle due bambine nere – piccole abbastanza da ricordarci che la differenza di Obama è anche generazionale – che per parte di madre la storia d’America ce l’hanno tutta addosso, che giocheranno in quelle stanze e correranno in quei giardini dove i loro antenati materni potevano entrare solo come schiavi o come domestici..."


P.S. tra gli altri articoli commentati, qualcuno ricordava anche che quando il presidente Theodor Roosvelt invitò per primo Booker Tm Washington, un uomo di colore, nello studio ovale, era il 16 ottobre 1901, e questo - difensore delle cause dei neri contro il segregazionismo, notò la curiosa scritta dietro la scrivania: E pluribus unum, ovvero la vera essenza degli Stati Uniti: che dalla diversità nasca una cosa unica.


Speriamo bene.

8 commenti:

stellavale ha detto...

E'una riflessione che faccio miaa e che mi ha commosso.

Fabrizio Cariani ha detto...

si' anche se sono in disaccordo con il suggerimento implicito nella citazione---che Obama non e' nero al 100%, immagino perche' sua madre non e' nera.

Obama si e' sempre chiaramente identificato come un nero (questo prima ancora che di essere in politica, in cui la cosa ha avuto un significato ancora maggiore) e da un certo punto di vista questa e' l'unica cosa che conta.

Angeline, la mia ragazza, e' meta' australiana (quella meta' ulteriormente suddivisa in un quarto scozzese e un quarto irlandese) un quarto svedese e un quarto finlandese. Ma la questione della sua identita' sociale e' completamente diversa, dalla questione della "composizione del suo sangue"...

Bastian Cuntrari ha detto...

Fabio, sono arrivata qui attraverso il blog di Riccardo Gavioso: il tuo urlo a commento è stato anche il mio. Complimenti per questo bellissimo post e la pregnante la chiosa finale.
Sei nel mio reader da questo momento.
Ciao!

koala ha detto...

Eh si, se ci penso mi vengono i brividi a pensare a un presidente di colore.
La grandezza degli States sta proprio nella loro diversita' e unicita'.
BACIBACI
PS: io ho fatto una tesi di traduzione su Mark Twain, quindi immagina come lo adoro io!!!

desa ha detto...

fabiuccio intanto un bacio....che da 5 minuti sono tornata in rete....poi mi leggo tutto qllo che mi manca! :)

dioniso ha detto...

Pensa che coincidenza! Proprio 5 minuti fa ho letto l'articolo di Alessandro Portelli. Anche a me ha colpito quella frase.

Inoltre anch'io ho l'abitudine mattutine di ascoltarela rassegna stampa di Radio3. Lo faccio però durante la colazione.

Saluti

NADIA ha detto...

hola, bellissima e commovente la citazione, a pensarci bene è proprio così, e questo lo trovo meraviglioso, fosse così anche da noi!!!!!
Passa da me leggi e vedi se ti interessa questa iniziativa!!!
un abbraccio!!!!

fabio r. ha detto...

@stelavale: mi sono commosso anch'io!
@fabrizio: a me piace il meshup, ed è bello che lui si sia dichiarato un mix, non solo 2 parti, ma tante!
@bastian: grazie della visita! ricambierò con piacere!
@koala:su mark twain non posso che lodarti! innocents abroad l'ho semplicemente adorato
@Dioniso: fratello !!
@Desa: Admv!! come stai? a prestissimo!
@Nadia: ora passo da te!