Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

lunedì 2 marzo 2009

Mio zio era un futurista....

Sembrerebbe il titolo di un film, ed invece è vero. E già: ho scoperto di aver avuto uno zio futurista.



Il ramo materno della famiglia quindi ha generato "cinematografari", da mio nonno a mio zio, poi mio cugino, in una tradizione feudale di cui sono di cui conosco da sempre molti dettagli (grazie ai racconti, alle foto ed alle frequentazioni personali nell'ultima fase..), mentre il ramo paterno ha annoverato soprattutto artisti locali, pittori attivi in provincia, noti per opere astratte o al massimo naif.
Almeno questo è ciò che sapevo. Fin'ora. Poi la scoperta: il fratello "pazzoide" di mia nonna, noto in città come un po' strambo, accademico delle arti a Roma, zio Alfio (che mi conobbe appena nato, ma di cui io serbo un vago ricordo infantile) era un Futurista! Addirittura!

Ebbene sì. Anche nella verde, spirituale, Umbria del 900 arrivò il futursmo, soprattutto a Perugia, con Dottori, amico della prima ora di Marineti, e poi nella città dell'acciaio Terni.

Proprio l'acciaio, il ferro, la fabbrica sembrano aver nutrito gli artisti futuristi in questa remota provincia dell'avanguardia, e le frequentazioni romane poi fecereo il resto.
Alfio Catana (lo zio di cui sopra) era noto come scultore neoclassicista, ha riempito la città (Narni) di sculture in bronzo raffiguranti il Grifo (simbolo comunale), oppure monumenti ai caduti, addiritura una fontana recante i versi di D'Annunzio dedicati a Narni, le solite cose insomma...



(Fontanella presso la stazione di Narni)

Questa sua faccia futurista invece mi mancava.
Beh, che dire? Sono sorpreso e persino fiero di questa progenitura Marinettiana....
E' proprio vero: il futuro non è più quello di una volta.

5 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Scoperta curiosa e credo anche elettrizzante no?

Ciao Fabio :-)))

Daniele il Rockdichter

María ha detto...

È emozionante scoprire cose della famiglia quando credemmo sapere tutto di lei.

Un bacio

Camu ha detto...

WOW!!!che bello avere tanti artisti in famiglia...io avrei tanto desiderato un pò di vena "bizzarra" nella mia...ma non c'e' nessuno neanche se torno indietro di 3 generazioni!!!

koala ha detto...

Non avevo dubbi che un animo poetico e artistico come il tuo avesse parenti altrettanto bravi.
Cosa farai da grande però?
Ti prego, non dirmi l'insegnante, che tristezza...

fabio r. ha detto...

@daniele: vero. proprio elettrica, nel solco del futurismo!
@Maria: ogni tanto il passato ci sorprende
@Camu; da me i pazzoidi invece non si contano..
@Koala: magari potessi uscirne, penso che ormai sono condannato!