Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

mercoledì 8 aprile 2009

I nuovi mostri (L'Aquila 2009)




Giornalista di TG nazionale di fronte al padre che ha appena saputo della morte della figlia sotto le macerie: "Scusi, scusi! Siamo in diretta. Ci può dire come si sente?"


Eleonora Daniele (Grande GIORNALISTA di Uno Mattina) rivolta ad una vittima: "La prego, mi racconti la Sua disperazione!"


Lamberto Sposini (RAI 1 - tra una scosciata della soubrette ed un pianto) rivolto al capo dei VVFF che si accingeva a spiegare come avrebbero provato a salvare dei ragazzi sotto le macerie: "Sì, va bene comandante, ma potrebbe essere più breve? dobbiamo andare in pubblicità!" (a chè il comandante risponde "non mi faccia più domande e mi lasci lavorare"...)


RAI 1 (uno dei tanti TG speciali) un giornalista si rivolge ad un vigile: "Quando pensa di recuperare quei corpi? " - Il comandante: "Se permette io le chiamo persone, per me fino a prova contraria sono vivi!"


Ancora TG 1 delle 13.30: "Grazie a tutti per il boom di ascolti di ieri sera!" (come Fiorello, o la De Filippi)


Forum - Canale 5 (già il fatto che Forum debba occuparsi di realtà è un ossimoro..). Una Rita dalla Chiesa quasi in lacrime continua a leggere fax ed ipotetiche email compassionevoli schifando il programma lasciato nelle becere mani di 2 energumeni urlanti, poi interviene con voce rotta dalla commozione e dice "Pubblicità!" e parte uno spottone tutto ridanciano sui materazzi.


Studio Aperto - Italia 1 (Ok, non è un Tg ma facciamo finta che..). L'inviato di turno con il cameraman si piazzano in mezzo alla strada mentre passano le ambulanze con i feriti costrette a frenare. L'inviato: "Scusate ma dobbiamo spostarci un po' " - Dallo Studio: "Sì, ma ditegli che stiamo facendo il nostro lavoro!"


Ultima riflessione (prima di urlare e/o vomitare, a scelta):

Il salvataggio di un ragazzo seminudo, tra le macerie (poi quasi icona mediatica - che fa tanto San Francesco - di questo dramma) avviene in mattina, fuori dai collegamenti live. Per il resto della giornata sarà spacciato come IN DIRETTA alle 13,30 - 16.15 - 17,15 (da Barbara D'Urso!!!!) e 18.30....


Se invece volete avere la certezza di una voce diretta, genuina, andate a visitare il blog di Anna (Miss Kappa) qui !

Grazie

13 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Non le avevo sentite tutte queste mostruosità, Fabio, ma hai fatto bene a regalarci questo pout pourri di merda...
Be', s'inquadra bene nella "Fenomenologia di Silvio B.": sono tutti (senza distinzione di reti pubbliche e/o private) i frutti della sua semina.
A proposito, aspetto il prosieguo.

giulia ha detto...

Mio Dio, io ho beccato Barbara d'Urso che faceva finta di piangere e Vespa con in mano un cagnolino di pelouche raccolto tra le macerie.
Che gente..

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Disgustosi! Grazi per aver linkato Anna....

Dagmar ha detto...

Niente batte pero' il berlusca che dice agli sfollati di "prenderlo come un weekend in campeggio, suvvia". Geniale.

Camu ha detto...

Bleah che vomito!!!!altro che ordine dei giornalisti, a sta gente bisognerebbe strappargli il tesserino con i denti!!!!

Baol ha detto...

Mi viene da vomitare :'(

MariCri ha detto...

Il silenzio è molto più dignitoso e rispettoso di fronte a certe tragedie. Il mio pensiero è tutto per i bimbi dell'Abruzzo e ai miei parenti che sono stati costretti a lasciare la loro casa e per fortuna hanno un piccolo appartamento al mare, sulla costa.

María ha detto...

I giornalisti e il presidente ...
non hanno la capacità di pensare prima di parlare??? Potrebbero non parlare.

desaparecida ha detto...

ecco io preferisco vomitare prima così poi urlo meglio!!!

alcune le conoscevo però vederle scritte certe cose....


scusa vado nn resisto!

Moky ha detto...

Speechless. Ho assistito in diretta a due tragedie qui (Oklahoma City e NYC) e non ho mai visto avvoltoi cosi'...
Come si fa ad essere cosi' insensibili? Ma perche' nessuno gli ha tirato un cazzottone in faccia?

Neverland ha detto...

Premetto che i giornalisti sono una categoria che non amo molto,io non faccio distinzione se lavorano su reti pubbliche o private,non ho questi limiti. Ho imparato a capire che sono pochi i professionisti e la maggior parte sono dei raccomandati che non sanno nemmeno parlare o scrivere.
Comunque non faccio altro che sentire polemiche su questa vicenda, e sono abbastanza disgustata da questo. Ieri ho visto una trasmissione di santoro da vergogna: sono stati accusati i pompieri e la protezione civile di "non aver fatto un c...". E' gravissimo, e non mi dite che santoro è uno di berlussconi, è UN GIORNALISTA è STATO NEL PARLAMENTO EUROPEO, eppure non sa fare il proprio mestiere perchè è un servo della politica. Questo tipo di giornalismo è puro sciacallaggio: passa sopra alle salme,schiaffeggia i sopravvissuti offende i volontari che lasciano le case e il lavoro per scavare tra le macerie. I VOLONTARI RIPETO!!PER CHI NON HA CHIARO IL CONCETTO!! Io non sono una che NON ama la politica e non mi riconosco in nessun partito di quelli attuali, ma per la prima volta, mi sono sentita orgogliosa di essere italiana nel vedere i soccorsi, gli aiuti e nel vedere quanti provvedimanti questo governo ha messo in atto IN POCHE ORE per sostenere la gente nonostante i problemi economici attuali.Le polemiche si possono fare con estrema facilità mentre si sta seduti in poltrona davanti alla tv. Non è ora di smetterla con le chiacchiere della serva?

fabio r. ha detto...

@tutti: sono felice che esista tra i miei amici "blogger" una sensibilità affine... vedo che il senso di schifo e saturazione da Scoop giornalistico arriva un po' a tutti. Ne ero certo, ma mi chiedo ancora come sia possibile che questa orribile prassi della rincorsa al dolore sia ancora così di moda!
ne ho proprio le scatole piene.. spengo la tv e seguo il web, o meglio i blog, che è meglio.
Ciao a tutti

ziamaina ha detto...

Sono lieta d'aver perso la visione di tutte queste (e chissà quante altre) nefandezze.
Ho postato oggi il mio pensiero, se mai si può riuscire a pensare davanti a tanto dolore, distruzione e inaccettabile realtà.
Quanto al resto, come si dice sempre in questi casi, ora più che mai e purtroppo, "chi vivrà, vedrà".