Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

martedì 13 ottobre 2009

I Loggionisti

Non so voi, ma io - da appassionato Lucarellista - seguo spesso Blu Notte su rai3, (e devo dire che adoro pure l'imitazione che ne faceva Fabio del Luigi per la Gialappa's..), un po' perchè tendenzialmente (come canta Elio) adoro le dietrologie, e poi anche perché spesso ci si azzecca, a pensar male...
Bene, la puntata del 2 ottobre 2009 si è occupata della loggia P2, del venerabile Licio Gelli e di tutta quella faccenda alquanto grigia legata ai poteri "forti" e paralleli dell'Italia recente.
Vista la mia età ricordo ancora benissimo la vicenda, per me e la mia memoria elefantiaca non è ancora "storia", è invece ancora "esperienza", informazione.


Eppure ogni volta che ne sento parlare, ne vedo qualche ricostruzione in tv, o ne leggo in giro, mi prende una strana sensazione di incompletezza, un mix di rassegnazione e rabbia, e mi chiedo perchè di uno scandalo così pantagruelico, enorme, sconfinato, si sono quasi perse le tracce.
Perchè - soprattutto il paese civile, l'opposizione di ieri e di oggi - non ha voluto scavare di più? Perchè la sentenza di assoluzione per i protagonisti ha di fatto cancellato tutti i legittimi dubbi sulle conseguenze "politiche" della vicenda?


Come mai il famigerato piano di rinascita democratica, a leggerlo oggi, sembra una fotocopia del programma del centro destra, ma nessuno lo fa notare?
Perchè mentre da una parte si odono accuse di incostituzionalità, si lanciano attacchi a tutte le istituzioni gettando le basi di una vera dittatura della maggioranza "eletta da tutti" (ahahah!!), si invitano industriali a boicottare questo o quel giornale, perchè insomma dall'altra parte non si rilegge un po' di questa storia?

La commissione parlamentare presieduta da Tina Anselmi (certamente non una fanatica trotzkista..) giudicò la Loggia «responsabile in termini non giudiziari ma storico-politici, quale essenziale retroterra economico, organizzativo e morale» della Strage dell'Italicus;
giudicò la Loggia «un complotto permanente che si plasma in funzione dell'evoluzione della situazione politica ufficiale»;
sottolineò l'«uso privato della funzione pubblica da parte di alcuni apparati dello stato» legati alla Loggia;
sottolineò la divisione funzionale della Loggia e quindi che, benché tutti gli affiliati fossero consapevoli del fine surrettizio della Loggia, fosse necessario individuare il settore di appartenenza dei singoli affiliati per risalire alle responsabilità personali;

Ciò che mi è piaciuto del programma in oggetto è stata anche la pervicacia di Lucarelli nell'accostare ogni nome degli appartenenti al proprio numero di tessera (ovviamente tra gli iscritti c'era anche il Mr B...) come per legarli a quelle responsabilità!
Il giorno dopo la trasmissione mi sono messo a leggere in giro, se ci fosse stata qualche reazione "di sdegno democratico" a quelle tesi: zero assoluto. La cosa è addirittura imbarazzante...

P.S. solo per i più giovani ed ignoranti del fatto, questa è una delle tesi cardine del piano della P2:
"Il vero potere risiede nelle mani dei detentori dei mass media" - Licio Gelli.
(vi ricorda niente?)

13 commenti:

Yuki ha detto...

Hehehe... A scavar bene, troppa merda c'è da disseppellire, in questo paese dalla "memoria assai corta"...
Quanto alla Loggia, non a caso Di Pietro - riferendosi alle attuali miserevoli condizioni della seconda repubblica - parla sempre di nuova P2, nei numerosi video presenti su YouTube...
Il punto è che siamo sempre in meno a ricordare e a voler ricordare. E a fare qualcosa per cambiare davvero.

Mettiamoci poi che chi ci prova fa sempre una finaccia. Una volta i giudici li uccidevano, ora, invece, li rimuovono dall'incarico, li si condanna al silenzio, se ne infanga il buon nome e se ne minacciano i familiari.
Il caso De Magistris e Forleo docet.

Tristezza... E fegato che esplode...

giulia ha detto...

Mi sto guardando anche io da qui le puntate di Blu Notte, aspettando Report! Illuminante quella sul G8, per esempio, onestamente non avevo mai visto quelle immagini.
Una di queste sere mi scarico questa sulla P2!

la signora in rosso ha detto...

l'ho guardata distrattamente (perchè navigavo nei blog) ma lettp il tuo post e aggiungendo i miei ricordi a tale argomento...scarico anch'io l programma e me lo riguardo. buona serata Fabio

amatamari© ha detto...

La trasmissione l'ho seguita e mi ha confortato il fatto che non fossi l'unica fessa su questa terra a ritenere che il disegno della P2 è oggi quantomai vivo e vegeto.

AD Blues ha detto...

Pare che la loggia Propaganda fosse stata fondata in origine nel 1877 e poi riorganizzata dpo la Liberazione.

Ora, vi sembra logico pensare che i cospiratori della p2 si siano estinti?

E non c'è posto migliore per nascondersi di stare in bella vista sotto gli occhi di tutti facendo credere che sia tutto naturale e normale lo stare li...

Tristezza.

---Alex

Baol ha detto...

Ma perchè ormai ho, fisso, un brivido giallo lungo la schiena?

NADIA ha detto...

holaaaaaaaaaaaaaa
caro Fabio sono contenta di non essere stata l'unica........anche vojager se l'hai visto ha parlato di Massoneria, ritornano ancora vecchie tesi che nessuno per comodità o interessi, decidi tu, ha mai chiarito fino in fondo......
forse che ci sono troppe persone attualmente al governo coinvolte???

Ornella ha detto...

Ormai l'avvilimento è tale che lo sto somatizzando!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Oggi il piano della P2 é ben vivo e vegeto e forse anche la P2 stessa lo é. Magari in altre forme ma lo é..... E questo risponde al tuo quesito sul perché non si vuole scavare oltre....

Ciao Fabio
Daniele il Rockdichter

rom ha detto...

Quali mezzi abbiamo per modificare questo stato di cose?
Quelli democratici.
Il voto, infine.
Chi vota ha una testa, circa.
Che pensa, circa.
Allora dovremmo essere capaci di fare qualcosa per modificare il pensiero della gente che vota il piduone, uno, due, tre, qualcuno, ciascuno qualcuno, magari alle prossime elezioni quanti bastano.
Gli scandali non hanno più potere: è scandalo il fatto che sia presidente del consiglio un uomo con interessi personali in aperto conflitto con la res publica - ogni scandalo si perde in questo. Le piazze non hanno più potere: non c'è piazza più grande di quella occupata da milioni di italiani davanti al televisore imbonitore.
Solo la somma dei voti al momento delle elezioni ha potere.
La testa di ognuno che guida la mano a segnare questo o quel simbolo, ha potere.
Per la mia testa, i tuoi post hanno potere. Mi piacciono, mi confortano, mi divertono, mi aiutano e restare vivo.

enne ha detto...

Quella puntata di Blu Notte l'ho vista anch'io.
L'Italia è piena di troppi misteri che nessuno, pare, abbia interesse a svelare. E quando dico nessuno intendo nessuno.
Ciao Fabio.

dioniso ha detto...

CIao Fabio,

anch'io sono un Lucarellista ;-)

Era da tempo che non vedevo una sua puntata ma quella sulla P2 non me la sono voluta perdere. Fa sempre bene rinfrescare un po' la memoria. Condivido un po' tutto quello che scrivi qui.

Saluti

fabio r. ha detto...

@tutti: non so voi, ma io ultimamente sento che l'aria sta proprio peggiorando da queste parti.....
memoria corta, papelli che ricicciano, ricordi che appaiono uq e là sbiadite e tenta voglia di rimettere mano alla costituzione... mah....