Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

sabato 24 ottobre 2009

Wild World

Sono reduce da un paio di giornatacce. Odio, almeno SPERO di esserne reduce, non vorrei infatti che l'aura mefitica di questo periodo si amplifichi ancora come un cerchio in uno stagno di sfiga, dove ho accidentalmente buttato un sasso (mannaggia a me!) ma non ricordo quando..

Comunque le cose da scrivere/dire sono poche: riguardano la salute e la sfera privata purtroppo, e gli anni che passano attorno a me, mi sforzo di sorridere alle scalogne ed ai malanni miei e dei miei cari (mi torna in mente la battuta -non ricordo di chi - sul tempo che passa: "il tempo con lui fu galantuomo, sono stati gli anni ed i mesi quelli bastardi!") ma ammetto che sto sfiorando un po' la depressione...
Per fortuna che mi assiste l'ironia (leggasi "distanza" quasi come un laicismo dello spirito) ed allora risorgo un po'.
Ogni tanto mi prende un po' il magone, e sono facile alla lacrimuccia anche solo ascoltando una melodia (il chè non è molto macho, quindi non diciamolo troppo in giro...) beccata alla radio. Oggi, scavando un po' nella mia malinconia, ho ritrovato un bellissimo pezzo del vecchio Cat Stevens, wild world, dove una strofa sembrava essere stata scritta proprio per me in queste giornatacce:
"...baby it's a wils world, it's hard to get by, just upon a smile..:" che è quasi agli antipodi della filosofia spicciola del "put on a happy face" molto gettonata al giorno d'oggi.

Cercando tra le varie versioni del brano ne ho trovata una curiosa: il brano è cantato dal protagonista di Skins, una serie molto giovanile, trasmessa di MTV in Italia, a cui mi è capitato di buttare l'occhio qualche volta.

Ammetto - da bravo adulto con la sindrome di Peter Pan - che i ragazzi di Skins mi scioccano ancora un po', visto che usano linguaggi sin troppo espliciti e si danno a forme di devianza (sessuale, alcolica o tossica) ignote alla mia generazione, senza rimpianti, leggeri come se giocassero al calcio... Ne ho intercettato qualche puntata in tv e, visto che alcuni miei studenti liceali ne parlavano, ho voluto rendermi conto di persona della cosa.

Il mio giudizio resta sospeso, forse qualche blogger più informato potrà illuminarmi se vuole, ma la versione di Wild World in questo video è (voce a parte) da apprezzare.
Qui però metto il buon, vecchio Cat Stevens aka Youssuf Islam:

18 commenti:

Ornella ha detto...

Tu hai semplicemente bisogno di una "cat woman"!:)

modesty ha detto...

giusta osservazione, ornella.

....mumble....potremmo indiro un bando di gara per trovarla sta cat woman.....

che ne dici, fabio, l'idea ti tira su il morale oppure rafforza il tuo blues?!

insomma noi siamo le fabio-girls. e siamo a tua disposizione.

:-) love, mod

koala ha detto...

La versione di Cat e' senza uguali...
Il tuo umore rispecchia i miei alti e bassi, solo che io ho da combattere con una teenager, pain in the butt!!!
I Hope the clouds lift and you see the sun again soon.
Anche io sto facendo lezione a 10 nanetti delle elementari, scatenati. Preferisco i miei ragazzi....

ziamaina ha detto...

Attenzione che "cat woman" è anche la traduzione del nostro "gattara" ;-)

Ornella ha detto...

Sottoscrivendo il bando di Modesty e tenendo presente la puntualizzazione di Ziamaina, dico che se questa "woman" fosse oltretutto "gattara" avremmo fatto Bingo!:D

Baol ha detto...

Ciao fratello! :)

giulia ha detto...

Tu si che sei pieno di risorse per tirarti su! Un abbraccio!

Suysan ha detto...

Forse è questo clima che mette un pò di malinconia...proprio oggi anche io ascoltando delle vecchie canzoni sono stata assalita dalla nostalgia... ti capisco...forse anche troppo, niente come le canzoni riescono a portare la mia mente indietro ai vecchi tempi e i miei, fidati, erano veramente vecchi !!!!!

la signora in rosso ha detto...

Dai, dai che le cose andranno per il verso giusto! Where is the cat woman?

Baol ha detto...

Secondo me, ultimamente più che "wild" è "shit"


ciao bro!

amatamari© ha detto...

E' l'autunno, ne sono certa...
:-)

Moky ha detto...

Sottoscrivo Koala. Le altre versioni non valgono quella originale.
Quando sei giu, non puoi far altro che risalire.
Hugz!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

E' il periodo. Gira male anche ad altri e spesso in questi mesi la malinconia ti abbranca senza mollarti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PS: Ciao Fabio!!!
Daniele il Rockdichter

Angel ha detto...

La versione di Cat originale è la "meglio"!!!


Non so nulla di Skins, ma sono ferratissima in cartoni da bimbi della Primary.
Non so che capita alle nuove generazioni, vedo che qui downunder sono molto liberi sti teens, anche troppo.
Sento i racconti di mia madre, che insegna lettere alle superiori e resto sconvolta da come noi, figli degni anni '70 nel mio caso eravamo diversi.
Ma si sa, i tempi cambiano.

fabio r. ha detto...

@tutti: grazie per la solidarietà umana e la vicinanza virtuale.. è un momento, poi spero passerà, no? su Cat Stevens nulla da dire, a me ME piace sempre!

Elisen ha detto...

ma nel 'selvaggio' c'è tanto di bello fabio, o no?!anche a me 'skin' inquieta un pò..mi fa sentire decisamente di un'altra epoca e quindi vecchia!!

Yuki ha detto...

Arrivo in ritardo, ma ci sono anch'io!!! Ah, malinconia canaglia... Come ti capisco!