Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

domenica 23 maggio 2010

Che soddisfazione . . . . !

Hai voglia a dire: "eh, ma l'Inter vince troppo, siete antipatici, non c'è gusto" ecc.....

Loro - i gggiovani - non lo sanno cosa significa tifare Inter per chi - come il sottoscritto - lo fa da sempre, e cosa fosse ciò negli anni '80 e '90 poi... quando non si vinceva nulla! Si rideva un po', ma solo per compiacenza, agli sfottò continui degli amici Juventini o - peggio - Milanisti...


Non sapete - giovinastri - cosa significava allora, per un teenager, essere preso per il culo ogni maledetto lunedì, a scuola, ed a fine campionato, mentre tutti festeggiavano, restare chiusi in casa di fronte alla radio (o al massimo 90° minuto con Paolo Valeri) a rimuginare sul proprio dolore.

La sconfitta era una way of life per noi. Eravamo taaanto carini e simpatici a tutti, innocui come un peluche, e le barzellette sull'Inter si moltiplicavano, gareggiando - loro sì - per il primato con quelle sui carabinieri:

"Quanto spende un interista tipo per il tifo? - pochissimo,
basta un po' di sapone per lavare la bandiera del 1978.."


Voi non conoscete l'onta, direi la vergogna, di vedere un vero Signore come Moratti che spendeva miliardi (e vi assicuro, che nello sconforto era come se li spendessimo noi!) di vecchie Lire per vedere giocare veri bidoni come Darko Pancev.... ed essere derisi dai maledetti gobbi con soddisfazione, mentre al Comunale di Torino sfrecciava Platini, un genio, stronzo ma genio....

Non immaginate nemmeno lo sconforto di chi - dal 2002 - pensava al 5 Maggio non per Napoleone o Manzoni, ma per l'ennesima sconfitta all'ultima giornata con pianto annesso di Ronaldo...

Per la mia generazione, troppo giovane durante il famoso Italia Germania 4-3, il Santiago Bernabeu resta legato ad Italia Germania 3-1, a Paolo Rossi, a Spillo, a Tardelli che urla come un forsennato (altro che Murinho a Barcellona..) ma da ieri sera un'altra cellula della memoria si è attivata !

Ecco perchè oggi, 23 Maggio 2010, dopo una notte quasi insonne per l'adrenalina che non passava, posso dire con orgoglio di amare questi colori, questa squadra folle (veramente pazza, che ci ha abituato a vittorie rotonde e Caporetto improvvise), questa amalgama mondiale, perfetta di facce e colori, di giovani e meno giovani, di gentiluomini come Zanetti e hooligan come Balotelli, la squadra che fu di Facchetti, un marziano per cortesia ed aplomb sceso su questo paese incivile, e di quel genio dell'avvocato Prisco, vero Falsatff del pallone.

Ed allora la soddisfazione di un post quarantenne come il sottoscritto è democraticamente come quella dei "pischelli", è trasversale e completa.


P.S. Solo chi è stato nelle tenebre può assaporare il piacere del sole !

10 commenti:

Baol ha detto...

Concordo bro!

Peppino Prisco era un grande:
"Quando stringo la mano ad un milanista dopo me la lavo e quando la stringo ad uno juventino, dopo mi conto le dita"

Un grande

palbi ha detto...

ecco togliereri giusto la parte sulla signorilita' morattiana (che secondo me resta uno di quegli assunti tutti da dimostrare e che nn trovano corrispondenza nella realta' vera delle cose) ma per il resto empatizzo con la vostra storia di interisti sofferenti e sfottuti e - sai che ti dico - sono un po' contento anch'io per voi :)

Suysan ha detto...

No comment.....ahahahah !!

indovina che squadra tifo io, malgrado il figlio interista?

... daisy... ha detto...

Non sono interista, ma sono comunque felice che abbia vinto l'inter..
1. l'ha meritato
2. non sopporto i giocatori tedeschi e il loro modo strafottente (come quelli francesi)
3. qui alcuni ragazzi di madrelingua tedesca tifano per il bayern per motivi politici (ma si può???) e non per l'austria (benchè vorrebbero l'annessione all'austria) perchè quest'ultimi non giocano bene!
E allora...
BRAVI!!!!

Vincenzo Cucinotta ha detto...

E smettere di tifare per undici giovanastri in mutande no? Che da vergognasi forse si dovrebbe per il fatto stesso di tifare, piuttosto che per le vicende della propria squadra del cuore :-D

fabio r. ha detto...

@baol: ri-concordo con te
@palbi: grazie per la comprensione
@suysan: tirerei ad indovinare va!
@daisy: sorvoliamo sui tirolesi dai..
@vincenzo: il tifo purtroppo non conosce lucidità illuminata. anche se preferirei che gli 11 giovanotti fossero leggermente meno privilegiato, ammetto che persino i romani ed i greci si azzannavano ed erigevano persino statue per lottatori e gladiatori, altroché!

Lesandro ha detto...

sgrunt

Serena ha detto...

Commento con ritardo, ma in queste cose non si arriva mai tardi. FORZA INTERRRRR!!!!!!
Che stiano un po' zitti adesso e ci facciano godere di questa magnifica annata.

Yuki aka Prisma ha detto...

Leggerti mi ha ricordato Febbre a 90° di Hornby... :)

fabio r. ha detto...

@yuky: non sai che complimento che mi hai fatto (o forse sì, sei solo gentile..) grazie Genius.