Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

venerdì 5 giugno 2009

Siamo ospiti di questo pianeta

Oggi 5 Giugno è la giornata che l'ONU dedica all'ambeinte: World environment Day.


Non ci farebbe male pensare, ogni tanto, alla nostra situazione di "passeggeri" temporanei su questo povero pianeta, siamo semplici, minuscole particelle di carbonio destinate a tornare cenere e nutrimento per i vermi e quindi per altri animali, malgrado la nostra voce grossa....

Da sempre mi è cara la celebre profezia del popolo Creek, ed oggi, per celebrare questa giornata, vorrei ricordarla anche qui:

“Solo quando l’ultimo fiume sarà prosciugato
quando l’ultimo albero sarà abbattuto
quando l’ultimo animale sarà ucciso
solo allora capirete che il denaro non si mangia.”




7 commenti:

AndreA ha detto...

Certe cose si capiscono davvero solo quando ci si trova nella m....!

A presto!! :-)

Vincenzo Cucinotta ha detto...

La frase è molto efficace.
Purtroppo, temo che quando ci accorgeremo di quanto abbiamo reso inospitale per l'umanità questo pianeta, sarà impossibile tornare indietro, forse perfino troppo tardi per la nostra stessa sopravvivenza.

ziamaina ha detto...

Sai Fabio, io ci penso e anche molto spesso: ci penso quando spengo le luci, quando chiudo l'acqua mentre mi lavo i denti, quando (ma solo a casa) 'ottimizzo' l'uso dello 'sciacquone', (tanto il bagno lo uso solo io, le gatte hanno la lettiera :-D), quando mi scasso le palle a fare la differenziata, sciaquando vasetti, scartando la plastica dalla carta...
E ci penso quando spengo il motore dell'auto se sono in coda, spengo il cellulare quando sono dal medico...
Ma sembra che siamo rimasti in pochi a pensare a queste cose.
Munari ha detto che "pensare confonde le idee".
Beh, io penso ci sia chi le ha confuse ANCHE senza pensare.
Povera Italia e povera Terra...

Lara ha detto...

I nativi americani conoscevano davvero il rispetto per la Natura. Una civiltà che non avremmo mai dovuto distruggere, né dimenticare.
Ciao Fabio,
Lara

la signora in rosso ha detto...

anche la plastica non si mangia...
Bisogna pensare che la terra non è nostra.... siamo ospiti, pertanto la dobbiamo trattare con rispetto.

Suysan ha detto...

Sempre molto sagge le cose che ci arrivano dai nativi americani, peccato averli sempre considerati così poco e averli fatti fuggire dalle loro terre!

Barbara ha detto...

sorprendente complicità...ho appena postato su questo...
un abbraccio, a presto