Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

mercoledì 4 giugno 2008

Eschiusmi, bitteschen; noio, volevom sabuar l'indiriss.. ia?"

Se non ci fosse da piangere, la vicenda sarebbe adatta per sbellicarsi dalle risate....



Leggete ed inorridite (dal Messaggero di Roma):

L'abilitazione per le guide turistiche
Roma, ore 9.15 sede di via Nomentana 54: inizia la sessione di verifica per i candidati all’abilitazione alla professione di guida turistica, dopo l’applicazione della legge Bersani e la conseguente delibera Regionale al riguardo. Essa permette ai laureati in storia dell’arte ed archeologia di ottenere l’abilitazione alla professione di guida turistica dietro la presentazione di una tesina di 10 pagine su un solo monumento a scelta, da consegnare prima dell’esame alla Commissione, seguita una “verifica” sulle conoscenze linguistiche e di legislazione turistica.


Per cominciare, non si conoscono i nomi dei membri della Commissione esaminatrice permanente, ma almeno tre di loro sono sicuramente funzionari della Provincia di Roma, senza alcuna specifica competenza nel campo della storia dell’arte né dell’archeologia, della geografia, o delle lingue straniere.
Il livello linguistico dei candidati a future guide di Roma è a dir poco quello di un odierno liceo statale, quando non addirittura di scuola media: sintassi primitiva, lessico povero, fluidità di linguaggio totalmente assente.
L’inglese è la lingua più penalizzata, lo spagnolo viene trattato a livello di italiano maccheronico, non si conosce neanche la congiunzione “e” in spagnolo. Anche il francese però ha fatto la sua parte, con pronunce improbabili che nemmeno i Marsigliesi o i corsi sarebbero in grado di interpretare.
Il commissario responsabile per la verifica della lingua inglese risulta essere una guida di nazionalità americana in possesso di abilitazione da qualche anno. Nonostante si esprima, per farsi capire, in un inglese di livello elementare, durante la sessione più volte i candidati non sono stati in grado di capire le sue domande, ed è stata costretta a ripetere più volte le parole scandendo le parole ad una ad una.
Le domande in lingua erano concettualmente di questo livello: “Quale è il suo gusto di gelato preferito?” Risposta della candidata: “Mandorla” (in italiano, essendo tale parola di uso comune a lei sconosciuta nella lingua di Shakespeare); “Che cosa è il tufo?”, Risposta: “Un materiale tipico di Roma”; “Mi potrebbe descrivere la forma della teca di Meyer che ingloba l’Ara Pacis?” Risposta della candidata: non solo non sa descrivere in maniera intelligibile il materiale della teca, ma nemmeno la sua forma: rettangolare, sferica, piatta…; “Potrebbe descrivermi lo stile fascista?” Risposta: “E’ freddo”.
Trattandosi di laureati in storia dell’arte ed archeologia, si potrebbe pensare di soprassedere alla verifica linguistica (nonostante la verifica della lingua straniera sia l’unico elemento qualificante per la professione di guida turistica, che notoriamente è rivolta a persone straniere): ma anche nelle conoscenze basilari della storia dell’arte italiana ci sono evidentissime lacune, non tollerabili in coloro che dovrebbero con il loro lavoro professionale creare opportunità di crescita in un settore strategico per l’economia nazionale, come il turismo di qualità.
I candidati non hanno la più pallida idea di cosa abbia costruito il Borromini a Roma, mentre sono convintissimi sulla nazionalità di Diego Velazquez, a sentir loro “uno dei più grandi pittori italiani”.
Il commissario responsabile per la verifica di storia dell’arte e archeologia tace, anche di fronte a tali errori marchiani dei candidati, o al loro restare muti dopo domande del tipo: “Conosce qualche edificio a Roma costruito dalla famiglia Pamphili?”, “Potrebbe indicarmi qualche edificio progettato da Borromini?”.La legislazione turistica ha offerto poi momenti unici di fantasia creativa, durante i quali tutto ed il contrario di tutto è stato asserito nell’ambito della “legislazione regionale, comunale e provinciale” riguardante la figura della guida turistica!
Le “verifiche” hanno una durata variabile dai tre ai cinque minuti, con un solo caso che ha sfiorato i quindici minuti, poiché il candidato viene esaminanto su ben tre lingue straniere, (inglese, francese, spagnolo). In questo brevissimo tempo i candidati dimostrano dunque le loro approfondite conoscenze di trent secoli di storia, archeologia, arte, religione, tradizioni, geografia del territorio, legislazione turistica. Ah, dimenticavo!
Le lingue straniere…I membri della Commissione, ben lungi dall’interrompere queste scene farsesche, suggeriscono generosamente le risposte ai candidati. Alle ore 11.45 le “verifiche” effettuate su 16 candidati (con due pause di venti minuti per riposo Commissione, visibilmente provata dall’immane fatica) sono terminate. Alle ore 14.00 i risultati sono affissi all’entrata della sede provinciale: ben 13 candidati d’ora in poi potranno fregiarsi del titolo di guida turistica.
Lo spettacolo sarà replicato fino a luglio, non abbiate paura, c’è tempo per assistere alla distruzione di una professione che nei decenni ha rappresentato una fonte di sviluppo per il Paese, oggi ridotta, grazie alla Legge Bersani, a mera macchietta folkloristica degna di un film di Totò o Alberto Sordi, fate voi.

Ferena Carotenuto (Segretario Sindacato Nazionale Guide Turistiche CISL di Roma)

P.S. tra una settimana vi saprò dire delle mie esperienze all'università (sorvoliamo sulle prove di lingua delle scuole superiori: 7 veli pietosi...): il sospetto è che queste - al confronto - impallidiranno...

10 commenti:

Moky ha detto...

PATETICO, a dire poco... altro che Toto'... e la cosa che fa piu' paura e' questi sono laureati... allora l'ignoranza non e' di monopolio americano...

Sara Sidle ha detto...

Se andiamo avanti di questo passo, la prendo pure io l'abilitazione per le guide turistiche...il che sarebbe davvero da manicomio!!!!!@_______@
Hai visto che sono passata!Ci mancherebbe che mi dimentico di te!Il tempo disponibile al pc è poco e devo farmi i giri a tappe...perdona il ritardo, ma sono venuta per l'ammazzacaffè!!
Bacioni

Suysan ha detto...

Che belle figure che facciamo!!!

DottoressaDressel1981 ha detto...

beh, c'è da dire che con l'ingresso del nuovo ordinamento accademico il livello culturale sta colando a picco...

desaparecida ha detto...

oddiochevergogna!!!!

Penny Lane ha detto...

Concordo con DottoressaDressel: da laureanda di vecchio ordinamento, ho visto lo sfacelo totale che è seguito all'introduzione del nuovo ordinamento soprattutto tra noi studenti di lingue. Già la semplice pretesa che le lingue da studiare siano tre, e non più due, la dice lunga: ma porca miseria, già è difficile conoscerne due ad un livello buono (fortunati quelli che hanno il bilinguismo in casa)...io col tedesco sto ancora sputando sangue...
Vabbè, in realtà non sputo nulla (;-p) ...però resta il fatto che arrivare a padroneggiare una lingua, soprattutto se la si studia quando non si è più bambini, è un obiettivo difficile da realizzare: passi per le lingue più affini alla propria e per l'inglese...ma come la mettiamo con -che so- il ceco o l'olandese?

Scandalosa comunque tutta la procedura (chissà come ci devono essere rimasti male i tre esclusi, a questo punto: cornuti e mazziati!)che non serve a "selezionare" ma solo a "certificare" l'ignoranza di chi si presenta a questi bandi.
Per la serie "mi va bene il 18 politico", tsk tsk...

ps: sì, sono stata in Irlanda l'anno scorso per fare le ricerche sulla tesi...ho deciso di laurearmi su una dark comedy di Martin McDonagh, conosci? Del resto, dopo l'Erasmus a Galway, cosa avrei potuto fare??? ;-p
Baba!

stellastale ha detto...

sconsolante!!!! assolutamente

mafalda ha detto...

Sono allibita............ma dico non potevano studiarsi un pò di storia?????????????????Posso capire che non ci ricorda tutto, ma che diamine almeni riprendi gli studi!!!!!!!!!!!!!!!!!
Io pagherei per far un qualcosa del gnere, premetto che non conosco nessuna lingua straniera, per cui non mi avventuro, però almeno avrei cercato di studiare al meglio l'arte.............
Mi sono laureata in lettere moderne con indirizzo artistico e qui in Sicilia una laurea del genre potrebbe solo servirmi per due cose :insegnare (ma nn ho la vocazione per fare la prof) e due.......come carta per ......
Comunque siamo un popolo fantasioso!!!!!!!!!Ahahaahahah
NOIO VOLEVOM SABUAR.......
Alla prossima

haikel.bak@gmail.com ha detto...

E invece è fantastico! Io spero sempre che il collasso si avvicini presto, mi compro il pop corn e mi metto a guardare un paese andare alla deriva come una zattera al largo del triangolo delle bermude. Ogni stupido cretino granfratellista che si autoproclama paraculissimo capitano ... hahahahaaaaa
Mi scuso con chi all'argomento ci tiene, ma il vero sale della vita è l'umorismo.

O<-<

hampidampi ha detto...

Non posso dire che in giro c'è gente stupida ma ho sempre di più l'impressione che si cerca a tutti i costi di raggiungere il fondo. E in fretta anche.