Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

mercoledì 16 gennaio 2008

E l'articolo 21?

"Je désapprouve ce que vous dites, mais je me battrai jusqu'à la mort pour que vous ayez le droit de le dire". - Voltaire
(Posso non condividere la tua opinione, ma sono disposto a dare la mia vita affinché tu possa esprimerla).

.................

Amendment 1 - Freedom of Religion, Press, Expression: Congress shall make no law (...) abridging the freedom of speech, or of the press.- Dalla Costituzione USA.
(Il Congresso [...] non può limitare la libertà di parola, o di stampa).

...................

L'articolo 21 della Costituzione Italiana :"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."




Tra queste affermazioni corrono più di 200 anni. L'illuminismo ha gettato le basi della Tolleranza, la costituzione degli Stati Uniti ne ha applicato, per la prima volta, i principi filosofici, cullando l'utopia di uno stato moderno, il cui baricentro fosse il rispetto delle libertà personali.

La nostra costituzione ne ha ribadito l'importanza, concedendo - dopo lunghe epoche di mancanza di libertà, epoche in cui si andava al confino per averle espresse liberamente - finalmente la libertà di parola a tutti.



Ora più che mai mi chiedo perchè alcune persone si arrogano ancora il diritto di porre un veto sulla libertà d'espressione? Perchè ci deve sempre essere qualcuno che decida sull'importanza delle opinioni altrui?



Tutti abbiamo l'onere e l'onore di esercitare il diritto del dubbio, tutte le opinioni sono tali (come le palle: ognuno ha le proprie, ma non per questo tendo a castrare chi ne ha di diverse..), personali, che ci piacciano o no!

E' facile accettare la libertà d'espressione di chi la pensa come noi. Il difficile è ascoltare le opinioni di chi disprezziamo, di quelli che sbatteremmo tranquillamente al muro se potessimo. Ma proprio qui sta il bello della nostra tolleranza.

Perchè qualcuno, seppure dalle idee che spesso condividiamo, ci fa passare dalla parte del torto? Pechè dobbiamo tacere di fonte alla prepotenza dei pochi?

L'uomo è stato dotato di occhi, orecchie gambe: nulla ha più effetto di un'aula vuota, di persone che non ascoltano, andandosene via, lasciando i profeti di fronte al loro deserto...



LASCIAMO PARLARE TUTTI!!!

6 commenti:

María ha detto...

Bravissimo!! Quanta ragione hai. Anche noi possiamo fare la stessa domanda: Dov'è la libertà d'espressione? In un paese dove la presidente ha detto che i giornalisti non devono domandare cose fa il governo e cose farà, però dedicarsi a altre cose. Che altre cose possono fare i giornalisti che non sia domandare per informare e dar una opinione critica? Dove la tv e i giornali non parlano di quello importante e la poca informazione seria che danno è per la mettà, credo che dovrebbero pagarci per alcoltare tante stupidità.
Al popolo pane e circo, diceva uno imperatore romano. Con lo stomaco pieno e contento chi domanda?
Saluti di questa calda città!!!

MariCri ha detto...

hai scritto davvero una bella riflessione. La frase di voltaire andrebbe stampata sulla copertina dei libridi scuola affinchè la tolleranza sia un principio inculcato fin dall'infanzia. Quanto a quelli che credono di avere la verità in tasca e non sanno ascoltare, uso le parole di un grande filosofo che nella lucidità della sua follia seppe capire l'importanza di mettersi in discussione in quanto siamo, semplicemente, uomini:

"Sempre ho riso di quel maestro che di sè non ha mai riso"
Friederich Nietsche

fabio r. ha detto...

@Maria: grazie per il pensiero, l'idea di panem et circensem in effetti mi ha sempre dato fastidio... sembra che il cittadino debba sempre piegarsi alla volontà di qualcun'altro! Tanto basta che ci sia TV e supermercati!

@Maricri: non sai quanto mi pesa questa situazione: io non sarei in effetti un grande fan dell'attuale establishment d'oltre tevere, ma non sopporto prorio chi vuole ergersi a censore senza conoscere nemmeno le ragioni altriu. Così passiamo TUTTI da fessi! La mia famiglia ha sofferto al tempo del fascismo, qualche parente ci ha pure rimesso le penne, ed ora pensare che c'é chi vuole far tacere persone "con la camicia d'altro colore" (caro De Andrè, quanto mi manchi...)solo per far casino (e magari trovare visibilità da Bruno Vespa) mi dai enormemente sui nervi!
(per non parlare delle filippiche vaticane dei vari ButtiglioneCasiniFeltri che da oggi in poi dovremo sorbirci)

fabio r. ha detto...

p.s. scusate eventuali errori di battuta nelle risposte ma sono veramante inc....to!

Simona Neri ha detto...

credo che abbiano fatto male a fare tutte quelle polemiche. Meglio sarebbe stato farlo parlare e poi di frotne a qualche frase poco consona (che per quanto mi riguarda ci sarebbe stata quasi sicuramente), avrebbero liberamente potuto esprimere il loro dissenso. Così si rischia di passare dalla parte del torto e non è quesdo che dovremmo ottenere.

fabio r. ha detto...

@simona: che dire? Hai perfettamente ragione.... purtroppo la ragione di molti non basta a questo mondo contro l'arroganza di pochi.