Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

mercoledì 21 maggio 2008

Dove sembra che parli di Goethe, ma forse intendo altro...

E' uno dei romanzi più belli della storia, tout court.
Senza se né ma.
Non solo tra quelli d'amore. Anzi, se proprio vogliamo precisare la cosa, l'amore nelle affinità elettive di Goethe (die Wahlverwandschaften) è un elemento "secondario".

Più dell'amore potè l'alchimia, mi verrebbe quasi da dire, ovvero la chimica, la scienza a servizio di Eros (e di Tanatos), uno strumento intellettuale che vorrebbe spiegare l'inesplicabile, un'utopia del modernismo nascente...

Il termine è quindi stato adottato (passando dalla chimica alla letteratura) dal linguaggio comune a significare quell'immediata attrazione tra elementi, che rifugge le regole della società, del "vivere civile" e che spinge i 2 elementi a condividere passioni intellettuali o sentimentali, fregandosene allegramente delle regole precostituite (tema caro a Goethe già dai tempi del Werther).

A molti di noi (umani, troppo umani, direbbe Nietzsche) sarà successo di provare un'improvvisa affinità con qualcuno che a malapena conosciamo, uomo o donna, a livello sentimentale oppure intellettuale, una complicità istantanea, come in un colpo di fulmine, che non sempre (e non necesariamente) significa amore.

Un rapporto che può basarsi addirittura sull'assenza del soggetto, sulle sole tracce grafiche gettate dall'elemento affine nello stagno dei nostri pensieri, lette con voracità, tutto di un fiato.



Bene, questa sensazione di aver trovato un'anima affine, è un bel segnale e ci convince (mi convince oggi) che - citando John Donne - No man is an island, entire of itself...

p.s. Lo so, il post non è molto chiaro, e forse un giorno passerò qualche ora in più a descrivere il romanzo, ma il messaggio che volevo spedire è in viaggio. Chi ha occhi per leggere, testa per pensare e cuore per sentire lo saprà decrittare.

11 commenti:

Elisa ha detto...

Ich entschuldige mich fuer meine kleine Abwesenheit...
La sensazione di cui parli mi rende un po' pensierosa a volte ma è comunque piacevole...
Guten Abend! Bis bald!

dioniso ha detto...

Mi hai incuriosito molto. Forse dovrei leggere il libro... ma ho così tanti libri nella lista dei desideri... non riesco a leggerne neppure un decimo.
Secondo te perderei molto leggendolo in italiano?

withoutpretences ha detto...

A me e' capitato una volta e mi sembrava fosse amore, era piu' facile credere nella'amore che in qualcosa cosi' difficile da capire e da spiegarsi. Osservando due dei miei figli che son gemelli, a volte identifico la mia esperienza con il "loro mondo".
un caro saluto
dona

Moky ha detto...

Il tuo post e' piu' chiaro di quanto pensi... illuminante, anzi! Almeno per me. Hugsies!

desaparecida ha detto...

si mi è capitato
qlcosa...che come un'alchimia istantanea,da allora mi dà tanto!

Il libro nn lo leggo da un po'....

un abbraccio

Inenarrabile ha detto...

L' affinità elettiva va al di là del sentire comune e avvolge tutto con un alone di mistero, se non è amore è di gran lunga preferibile, ma se amore non è mi piacerebbe sapere cosa è amore, magari se tu lo sai o sai di qualche autore che lo spiega scrivici sopra un post, in me avrai una sicura lettrice, questo post è in linea con i miei pensieri (per sommi capi) :))

stellastale ha detto...

la tragedia è che non sempre- anzi credo assai raramente- il livello di percezione e consapevolezza delle affinità elettive sia uguale e reciproco. e forse soprattutto non è mai uguale ciò che si creda possano servire.... dove possano portare... almeno a me è capitato così nel mio continuo andare, cadere, rialzarmi, riprovarci... sempre con un graffio in più sull'anima. vabbè l'ho fatta un po' pesante ma credo di aver reso l'idea baci e in bocca al lupo

MusEum ha detto...

È capitato anche a me... Ed è una strana sensazione...
Hai ragione, non è amore...
È un filo invisibile che lega le anime sparse nell'universo.

Il libro - e come te sbàji :D - non l'ho letto... Me tapina...
Ce la farò, prima o poi, a recuperare tutta 'sta cultura che me manca? :D

Irene ha detto...

più chiaro di quello che credi... la sensazione che descrivi penso sia condivisa da molti... tutto questo unisce le persone che camminano su strade diverse! ciao ciao

fabio r. ha detto...

@elisa: danke fuer dein Kommentar nettes heidi! Je laenger deine Abwesenheiten, desto schoener deine Anwesenheit!!
@Dioniso: te lo consiglio herzlich bacchus, io l'ho letto nelle 2 versioni, e non è male nemmeno in italiano..
@Dona: grazie per la visita ed il commento, certo che i gemelli sono un doppio specchio!!
@moky: Thanks darlin'
@desa:i libri basta averli letti anche una volta, poi ti restano dentro..
@inenarrabile: se avessi una risposta al tuo quesito allora sarei pronto a scriverci un tomo di 1000 pagine, altro che post! :-)
@stellastale: a chi lo dici!! ormai sono caduto così tante volte che ho una prosettiva della vita quasi da pavimento :-D
@museum: e leggilo d'estate allora no? che ce vò??
@irene: thanks!allora resto ottimista circa la chiarezza dei messaggi??

haikel.bak@gmail.com ha detto...

Ho di recente letto cose sulla Cabala. Da anni sento una enorme attrazione per l'argomento "Alchimia". So che tutto il misticismo è collegato, ma non credo più che si debba cercare questa struttura al di fuori di noi. "Conosci te stesso", ci provo ancora con poca intenzione.

O<-<