Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri. (Walter Benjamin)

sabato 11 aprile 2009

Dresda 1945 (L'Aquila 2009)

Provo a rilassarmi, a godermi un pò la calma pasquale, a ricaricare le pile prima del ritorno al lavoro, ma non va.
Questi giorni sono ancora segnati. E' come se il sisma abruzzese mi avesse fatto ripiombare nel 1997, nei giorni del terremoto a casa, fuori la porta...
La testa non si schioda da quelle macerie, ed il succedersi delle scosse (che ogni tanto fanno sobbalzare anche il mio pavimento) non mi lascia ancora tranquillo, ogni movimento dei miei amati gatti, ogni loro spostamento sul letto mi fa voltare la testa verso il lampadario...
Provo compassione (cum-passio, sofferenza comune, dalla radice latina) con la gente d'Abruzzo, ed ogni immagine garrula ed allegra che traborda dalla TV - miseramente ripiombata nella sua dimensione più becera fatta di veline - quizzoni - gabibbi - bagaglini - mi dà la nausea...
Le macerie dell'Aquila mi hanno fatto ripensare ad un autore tedesco che amo: Erich Kästner. Un autore noto (anche tra i contemporanei) soprattutto come scrittore di storie giovanilistiche, una sorta di Collodi tedesco, garbato narratore di gialli per bambini.

Ma di lui amo soprattutto il sarcasmo, l'ironia pungente contro il potere, lo sberleffo colto che lo avvicina a Brecht, o al nostro Dario Fo, volendo trovare similitudini.
Ma Kästner è anche un autore di Dresda, la città che fu pesantemente bombardata nel febbraio 1945, il più feroce attacco aereo della Seonda Guerra Mondiale, che abbattè chiese e palazzi, e sfregiò uno dei gioielli del Barocco europeo.





Oggi Dresda è stata ricostruita sin nei più piccoli particolari (anche nella ricostruzione della celebre Frauenkirche, contro il parere di alcuni storici che invece si battevano per lasciarla in rovina, come memento mori della guerra, un po' come è successo alla Gedächtniskirche a Berlino), ma nel 1945 Kästner la vide nelle macerie, e la descrisse con poche scarne parole, parole che - nella loro crudezza - mi hanno riportato in mente proprio l'Aquila:


Erich Kästner: Dresden 1945

Ciò che una volta chiamavamo Dresda non esiste più. Si cammina, come dentro un sogno, tra Sodoma e Gomorra. Nel sogno ogni tanto risuona il tintinnio dei tram. In questo deserto fatto di pietre nessuno è alla ricerca di qualcosa, lo si può solo attraversare.
Da una sponda all'altra della vita..


(..Das, was man früher unter Dresden verstand, existiert nicht mehr. Man geht hindurch, als liefe man im Traum durch Sodom und Gomorra. Durch den Traum fahren mitunter klingelnde Strassenbahnen. In dieser Steinwüste hat kein Mensch etwas zu suchen, er muss sie höchstens durchqueren. Von einem Ufer des Lebens zum andern...)

8 commenti:

Baol ha detto...

Un abbraccio Fabio

Buona Pasqua

rom ha detto...

Fabio, c'è qualcosa che non mi torna. Dresda era stata distrutta da un bombardamento aereo - oggetti micidiali inventati e costruiti dall'uomo che all'impatto esplodono annientando tutto ciò che sta alla loro portata. Uomini, avevano progettato e costruito gli aerei, le bombe; uomini hanno progettato e ordinato quella distruzione; uomini, la hanno eseguita - uomini come noi, consapevoli che dentro quella città, quelle costruzioni di antica sapiente bellezza c'erano bambini, donne, uomini, animali - vita vivente, esseri sensibili e intelligenti della nostra stessa specie, e animali a noi cari, che sarebbero stati frammentati, dilaniati, schiacciati, annientati.
Gli effetti del bombardamento sulle costruzioni sono paragonabili a quelli di un terremoto, va bene, ma c'è una differenza che non dovrebbe sfuggirti, se ti sfugge.
L'Aquila e i paesini intorno sono stati lesi da un movimento di assestamento della terra, cioè da una entità totalmente indifferente a tutto ciò che le si poggia sopra, esseri viventi e oggetti inanimati. Questo ci permette di sentirci tutti, tutti gli esseri viventi di questo pianeta, nella stessa condizione, tutti uniti nello stesso destino, partecipi e solidali nel possibile con i nostri simili colpiti da distruzioni come quella del terremoto dei giorni scorsi. Non c'è un gruppo di noi esseri umani che ha compiuto la distruzione, magari il nostro stesso gruppo, o un gruppo di cui siamo alleati. Non ci sono stati esseri umani come noi che hanno pensato, progettato, eseguito la distruzione e ucciso e ferito altri esseri umani e animali.
Siamo capaci di farlo, eccome!, ma questa volta non siamo stati noi, non dobbiamo anche questa volta vergognarci di non essere stati capaci, come specie, di risolvere l'aggressività distruttiva che può renderci indifferenti a tutto e tutti.

la signora in rosso ha detto...

Pace e solidarietà oggi.

Dresda e L'Aquila due città che non ho mai visitato, due occasioni perse , se per Dresda non ero ancora nata, per L'Aquila mi dispiace molto....dopo il terremoto...niente è e sarà come prima.
Serena pasqua

stella ha detto...

Ciao Fabio, nausea anche a me per certi programmini...e ti capisco, il tuo stato d'animo rispecchia il mio.Un abbraccio alla popolazione abruzzese.

fabio r. ha detto...

@rom: ci mancherebbe altro, il tuo discorso non fa una piega. il mio "parallelo" è dettato solo dalla memoria della descrizione di Kästner. Appena ho visto la serie di immagini di macerie e distruzine la mia mente letteraria è piombata lì, pur sapendo che per Dresda si parla di guerra.. eppure l'unica analogia dello smarrimento, nel vedere una città che non c'è più, l'ho immediatamente ritrovata in Kästner.
Le cause sono lontane milioni di anni, ma gli effetti "visivi" sono simili, e poi mi piace la citazione a posteriori, perchè Dresda è rinata, lentamente ma è stata ricostruita nella sua bellezza disarmante, e questo lo vedo anche come un augurio per il fururo dell'Aquila.
Ciao e grazie del commento, buona Pasqua (malgrado tutto)

Camu ha detto...

Il traghettare da una sponda all'altra e affrontare i vortici è la parte più dura della vita; spesso sei in balia delle onde e ti senti andare giù.

FolleRumba ha detto...

un saluto e tanti auguri

ciao follerumba

María ha detto...

Un abbraccio e tanti auguri Fabio!!!